http://www.studiofabiomassarioculista.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.Senza_titolo-1gk-is-120.pnglink
http://www.studiofabiomassarioculista.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.Senza_titolo-2gk-is-120.pnglink
http://www.studiofabiomassarioculista.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.Senza_titolo-3gk-is-120.pnglink
http://www.studiofabiomassarioculista.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.Senza_titolo-4gk-is-120.pnglink
http://www.studiofabiomassarioculista.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.Senza_titolo-5gk-is-120.pnglink
http://www.studiofabiomassarioculista.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.Senza_titolo-6gk-is-120.pnglink
http://www.studiofabiomassarioculista.it/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.Senza_titolo-7gk-is-120.pnglink

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Distacco della retina

Il distacco della retina (Ablatio retinae) è una patologia dell'occhio che si presenta in seguito al sollevamento della neuroretina dal tessuto epiteliale pigmentato.
A seconda della patogenesi, se ne distinguono diversi tipi:

  • Distacco di retina regmatogeno (rotture da trazione vitreoretinica)
  • Distacco di retina post-traumatico
  • Distacco di retina trazionale (retinopatia diabetica proliferante)
  • Distacco di retina secondario (sieroso da neoformazione sottoretinica)

I primi campanelli d'allarme sono la comparsa di lampi di luce da trazione del corpo vitre o la presenza di miodesopsia dovuta alla disorganizzazione del gel vitreale che si stacca dalla parete oculare; tuttavia è assolutamente fisiologico che compaia un numero non troppo elevato delle cosiddette "mosche volanti" in persone sane.
A lungo termine, se non ci si opera in seguito a distacco retinico, subentra il rischio di phthisis bulbi e, perciò, di perdita dell'occhio.
Un distacco della retina avanzato si manifesta con una restrizione del campo visivo simile a quella di un sipario e, in caso di distacco della macula retinica, anche in una perdita fulminante della capacità di lettura dell'occhio coinvolto (in questo caso si perde la visione centrale).
La forma prevenzione più efficace è la visita oculistica periodica per il riconoscimento e, in seguito alla eventuale constatazione di presenza della patologia, la visita di controllo di aree degenerative regmatogene che vanno, in determinati casi, trattati con fotocoagulazione laser.
Gli oculisti consigliano ai gruppi a rischio, quelli con miopia elevata, lampi di luce o visione con miodesopsia, di evitare attività che comportino traumi o bruschi movimenti del capo e dell'occhio.

Terapia

Se il problema viene diagnosticato in fase precoce spesso è sufficiente effettuare un trattamento argon laser fotocoagulativo intorno alle degenerazioni retiniche. Spesso, tuttavia, è necessario un intervento chirurgico. Di solito viene fatto in anestesia generale e nell’80-90% dei casi è sufficiente una sola operazione. Il decorso post-operatorio usualmente non è doloroso. Ove l’occhio risultasse infiammato e il tono oculare eccessivamente ridotto o aumentato, il paziente potrebbe necessitare di un ricovero di alcuni giorni. Il quadro visivo dipende dall’entità del distacco di retina e dalla sua durata. L’ombra causata dal distacco scomparirà in tutti i casi in cui la retina è stata riposizionata. Nei casi in cui il distacco interessi la regione maculare, che è l’area della visione centrale, il recupero visivo sarà incompleto. Tanto maggiore è la durata del distacco, tanto minore è la possibilità di recupero visivo.

CATARATTA
GLAUCOMA
RETINOPATIA DIABETICA
MACULOPATIA
STRABISMO
DISTACCO DI RETINA
CHERATOCONO
ENTROPION – ECTROPION
CALAZIO
PTERIGIO